Come pulire le macchie di erba e fango

di Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro

Che fare se a casa ci ritroviamo, dopo una bella giornata trascorsa all’aria aperta, con macchie di fango ed erba sui vestiti? Nessun problema, ecco un rimedio semplice ed efficacissimo!

Per lasciare i bambini liberi di correre e divertirsi senza dover utilizzare degli smacchiatori aggressivi e inquinanti come quelli che contengono sbiancanti ottici.

Ingredienti

Materiali

  • spazzola da bucato

Quanti pantaloni dei bambini rovinati perché macchiati in modo irrimediabile sulle ginocchia, questo procedimento permette di non gettare via dei vestiti ancora utilissimi.

Pulire le macchie di erba e fango

Procedimento per pulire le macchie di erba e fango

Per prima cosa dobbiamo grattare via il fango (deve essere già secco) con una spazzola da bucato, poi tamponare con una mistura di sapone di Marsiglia precedentemente grattugiato e alcol rosa denaturato, lasciando agire per un’ora circa.

L’ultimo passaggio consiste nel mettere il vestito nell’oblò della lavatrice, con tutto il sapone di Marsiglia e l’alcol applicato sopra.

Volendo possiamo aggiungere un ottimo smacchiatore adatto sia ai bianchi che ai colorati che è il percarbonato di sodio, un additivo ecologico che sostituisce i temibili sbiancanti ottici.

Lo trovi anche nel mio Eco Kit per le Pulizie Ecologiche: autoproduci in modo ecologico 15 detersivi naturali!

Eco Kit per le Pulizie Ecologiche

Per sapere di più dei rischi sulla salute a causa degli sbiancanti ottici leggi quest’altro articolo:

Cosa sono gli sbiancanti ottici?

Oppure guarda il video:

Video


Scuola dell’Autoproduzione: promozione per iscriversi

Come sai il mio blog e il mio canale Youtube contengono (volutamente e con grande piacere) tanti contenuti fruibili e gratuiti a cui dedico molto impegno.

Il progetto della Scuola dell'Autoproduzione ha però dietro un percorso diverso, molto ragionato e strutturato sulla base di 10 anni di esperienza. Permette infatti di sperimentare e apprendere in modo più veloce e produttivo. Una sorta di accompagnamento mano nella mano con me e facilitato verso l’autosufficienza.

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Perché intraprendere il percorso della Scuola dell’Autoproduzione on line?

Seguo personalmente e ogni giorno in questo viaggio la classe di studenti. È davvero bello farlo, tramite email, messaggi, telefonate e nel loro Gruppo chiuso dedicato. Abbiamo iniziato anche le lezioni aggiuntive in diretta.

Tanti studenti hanno già scelto di frequentare con soddisfazione la Scuola dell’Autoproduzione

Ho il piacere di seguirli personalmente per aiutarli nell’autoproduzione per: cucina, igiene personale, cosmesi, detersivi, igienizzanti, cura bimbi, animali domestici e verde.40 lezioni in continuo aggiornamento e accesso illimitato PER SEMPRE, in Italia o all’Estero, sia da cellulare, pc, mac, tablet. Per altre info o situazioni particolari scrivimi pure a info@ecosapere.it

Piccoli passi per rivoluzionare la vita in modo semplice, per salvaguardare l’ambiente e risparmiare in casa fino al 70%, migliorando il benessere tuo e della tua famiglia.

PROMOZIONE E INFO SCUOLA

EcoSapere - Scuola dell'Autoproduzione
Banner Macrolibrarsi

2 COMMENTI

  1. Buongiorno Lucia! Mi sto felicemente lanciando nell autoproduzione, ho preso il tuo eco kit e ho iniziato produrre alcuni prodotti, e devo dire che sono molto contenta della loro efficacia. Ma ho dei problemi su quanto riguarda la consistenza del prodotto finito in quanto sia il detersivo liquido delicato a mano e pretrattante, sia il gel detergente per lavare I piatti a mano mi escono, una volta raffreddati, il liquido sotto e il bianco piu’ solido sopra. Non volendo sprecare il tutto li ho usati comunque e funzionano ma non e’ cosi comodo….ho rifatto due volte il procedimento seguendo le istruzioni. L ‘unico dubbio e’ che avendo solo il fornello elettrico la miscela resta piu’ a lungo esposta al calore e questo forse ne modifica il risultato finale..che ne pensi?
    Grazie Isabella

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here