La sostenibilità è un tema sul quale si sta discutendo molto negli ultimi anni e che va necessariamente approfondito, date le previsioni per il futuro, per tutelare l’ambiente nel quale viviamo quotidianamente.

Nonostante le conseguenze dell’impatto dell’uomo sull’ambiente siano ormai evidenti, spesso succede che si tenda a far scivolare in secondo piano la questione in nome del risparmio, pensando magari che questo tipo di attenzioni siano applicabili esclusivamente da chi se lo può permettere. In realtà questa convinzione è assolutamente errata, viste le numerose opzioni green che vanno incontro a tutte le fasce di budget e che sono ormai davvero alla portata di tutti. Vediamo in quali modi è possibile risparmiare e rispettare l’ambiente allo stesso tempo, in diverse attività quotidiane.

spesa green

La spesa sostenibile

Le nostre abitudini nelle azioni che svolgiamo ogni giorno possono diventare virtuose senza troppi sacrifici, al contrario di quanto si è portati a pensare: basta sapere quali sono i comportamenti più vantaggiosi per l’ambiente e che convengono anche dal punto di vista economico per ogni famiglia.

Un punto cruciale per ridurre il proprio impatto ambientale e spendere meno allo stesso tempo è il modo di fare la spesa. A volte, per mancanza di attenzione o di consapevolezza, capita di mettere nel carrello ciò che costa meno, senza farsi troppi scrupoli sul resto; per ottimizzare la spesa (alimentare e non) è necessario leggere le etichette, facendo attenzione alla provenienza del prodotto che si vuole acquistare e cercando informazioni sul marchio. Così facendo sarà possibile filtrare le varie possibilità e selezionare quei prodotti che sono davvero validi dal punto di vista etico e ambientale, direzionando quindi gli acquisti verso realtà commerciali che sono un vantaggio per tutti.

In generale, è sempre meglio scegliere di acquistare prodotti da produttori locali e di fiducia, informandosi in anticipo su quelli più virtuosi e green. Inoltre, per la spesa settimanale di frutta, verdura e altre materie prime è consigliabile optare per l’acquisto di prodotti sfusi, evitando così di tornare a casa con le classiche confezioni imballate del supermercato. In questo modo si eviterà di fare scorte eccessive di cibo (che il più delle volte non viene consumato in tempo, finendo nei rifiuti) e si premierà la filiera corta, decisamente più conveniente da ogni punto di vista rispetto ai prodotti di importazione o che richiedono comunque delle spese di trasporto.

Attenzione anche all’acqua: se non si hanno esigenze particolari per motivi di salute, meglio evitare quella imbottigliata per diminuire l’utilizzo di plastica, preferendo invece quella del rubinetto – sempre controllata per legge – o quella delle “case dell’acqua” presenti ormai in moltissime città, da prelevare con contenitori riutilizzabili.

Risparmio ecofriendly dentro e fuori casa

Ci sono altri accorgimenti da avere se si vuole essere più rispettosi dell’ambiente ogni giorno. L’approvvigionamento di energia, ad esempio, ha un ruolo chiave per quanto riguarda l’ecosostenibilità, motivo per cui è bene dedicare del tempo al confronto delle varie proposte presenti sul mercato libero, che comprendono anche soluzioni green per la casa; ne è un esempio VIVIgas energia, uno dei gestori più rispettosi dell’ambiente nel panorama nazionale.

Riguardo alle pulizie in casa, è possibile fare la differenza evitando di acquistare detersivi composti da sostanze tossiche per l’ambiente e preparando dei prodotti fatti in casa 100% naturali che hanno la stessa efficacia di quelli del supermercato ma a impatto zero. A seconda delle necessità vengono in aiuto prodotti come il sapone di Marsiglia, il bicarbonato di sodio, l’aceto di vino o il sapone vegetale.

Un altro aspetto da valutare con cura è quello dei trasporti, soprattutto per chi vive in città: il traffico genera infatti delle enormi quantità di smog, e per questa ragione bisognerebbe sfruttare i mezzi di trasporto pubblici quando possibile; in un periodo particolare come quello attuale si può scegliere di spostarsi sfruttando i servizi di car e bike sharing, prediligendo quelli che mettono a disposizione veicoli elettrici, se non si ha un mezzo proprio. Nel tempo libero, poi, è sempre bene preferire una passeggiata a poche fermate di autobus, se il percorso lo consente.

sharing

 

EcoSapere - Scuola dell'Autoproduzione
Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here