Burrocacao fatto in casa labbra di velluto

Ingredienti

Strumenti

  • pentolino
  • ciotolina o barattolo in vetro
  • piccolo contenitore o stick

L’aria secca, il freddo e il vento tendono a seccare la pelle e a ridurne il tasso di idratazione. Le labbra, che sono particolarmente vulnerabili poiché lo strato di pelle è più sottile, sono le prime a screpolarsi.

I prodotti in vendita, soprattutto i più economici e più famosi (non cito la marca ma tutti abbiamo in mente quello a cui mi riferisco) sono carini, divertenti ma anche temibili perché a base di paraffinum liquidum, il cosiddetto petrolato puro (derivato dal petrolio), che addirittura ingeriamo!

Il burrocacao commerciale dà un’immediata sensazione di idratazione, ma già dopo qualche ora ci ritroviamo con le labbra secche e screpolate. Questi prodotti cercano, infatti, di creare dipendenza: più se ne mette, più la bocca si secca e più ne dovremo utilizzare fino ad esaurire lo stick e a comprarne un altro.

Preparazione

Mettiamo in una ciotola o in un barattolo di vetro la cera vergine d’api, quindi posizioniamolo a bagnomaria su un pentolino pieno d’acqua in ebollizione.

La cera d’api si trova nelle erboristerie e presso le aziende agricole che producono miele, al costo di circa 2 euro l’etto; la utilizziamo per la sua azione nutritiva e per dare consistenza al prodotto finale.

Aspettiamo che si sciolga completamente (ci vuole circa 1 minuto per questa quantità), poi aggiungiamo una noce di burro di Karité o di burro di cacao grezzo.
burrocacao Uniamo l’olio di mandorle dolci, che ne aumenta l’azione lenitiva ed emolliente. Possiamo utilizzare anche olio extravergine di oliva nello stesso quantitativo (va bene anche di jojoba, ricino o argan).
Quando tutto si sarà ben disciolto, togliamo dal bagnomaria. Poi dobbiamo solo versarlo all’interno di un piccolo contenitore ermetico. Per chi volesse magari riutilizzare un vecchio stick di rossetto o simili, basta versarvi il prodotto all’interno.
Si può utilizzare anche più volte al giorno, ma in genere basta una sola applicazione perché è durevole e concentrato.burrocacao

L’unica controindicazione è che è così buono che vi verrà voglia di mangiarlo!

 

 

Banner Macrolibrarsi

16 COMMENTI

  1. L’ho appena fatto, è venuto un po’ troppo solido secondo me, ma è molto buono e c’ho messo pochissimi minuti a farlo!

    • la prima volta che l’ho fatto è venuto anche a me solido infatti dalla seconda volta in poi ho aggiunto piu olio. non ho preso xo questa ricetta perchè ho scoperto adesso il sito. io faccio 1,48 g di burro di cacao, 1g cera d’api, 1,8 g olio d’oliva (va benissimo anche quello alle mandorle) e 3 gocce di aroma fragola xkè metto anche colorante fuxia naturale quindi non contare l’aroma e il colorante che metto io. è quasi per una dose giusto per provare come viene. ciaooo

  2. Ciao Lucia! Volevo chiederti se sia possibile aggiungere del miele (e, nel caso, in quale quantità). Eventualmente, si possono aggiungere anche alcune gocce di oleolito?
    Grazie!
    Agnese

  3. Puoi sostituire l’olio con l’oleolito.
    Se aggiungi il miele, magari mezzo cucchiaino, metti un altro mezzo cucchiaino di cera d’api altrimenti diventa troppo morbido.
    Un abbraccio!
    Lucia

    • Non lo uso il cosgard per il burrocacao…ne faccio poco appposta, così dura qualche mese, il tempo giusto di conservazione.

  4. Buongiorno, ho dell’aker fassi in casa, è possibile aggiungerlo agli ingredienti? In tal caso quale quantità mi consigli? Grazie mille e complimenti! 🙂

    • Sì, volendo sì, giusto 1-2 gocce al massimo. Evita gli agrumati che sono fotosensibili e la menta se dovessi essere incinta. In generale sul viso sempre meglio usare la lavanda.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla Newsletter!