Favola per grandi e piccini che vogliano scoprire cosa c’è dietro le etichette dei prodotti di uso quotidiano

 

Brisotto e il tempo delle mele biologiche

 

di Lucia Cuffaro

Puoi trovare l’articolo originale scritto per il Magazine Vivi Consapevole su Macrolibrarsi.it

Brisotto - Favola di Lucia Cuffaro

C’era una volta un gatto rosso un po’ speciale, curioso e dotto, che tutti riconoscevano anche da lontano per i suoi occhiali in legno di quercia e il gilet di canapa grezza, da cui non si separava mai.

Amava giocare nel bosco, poltrire sotto un albero di noci e prendersi cura di Madre Terra.
Il suo nome era Brisotto.

Cerbiatto - Favola di Lucia Cuffaro

Viveva libero e felice, assieme ad animali di ogni specie, come scoiattoli, volpi, gufi, conigli, farfalle e cerbiatti. La sua migliore amica era Violetta, un’esuberante leprotta, con cui giocava a nascondino ogni giorno.

Violetta - Favola di Lucia Cuffaro

Una mattina, svegliandosi pigramente, udì i fratellini di Violetta parlare del compleanno della sorella.

“Perdindirindina – pensò – Violetta non mi perdonerà mai se mi dimentico di festeggiarla. Devo farle un regalo! Ma cosa? Ogni volta che vado alla sua festa, tutti gli amici del bosco le portano delle cose strane, che prendono in un luogo pericoloso, con rumori insopportabili e tanti Animaliuomimi che corrono indaffarati da una parte all’altra. Devo farmi coraggio e andare anch’io in quel posto oscuro, che mi sembra si chiami ‘Supermercato‘”.

Così Brisotto, dopo aver indossato i suoi occhiali di legno di quercia e il gilet di canapa, si diresse a tutta velocità verso la città degli Animaliuomimi, oltrepassando con coraggio le strade dove vivono i Camionmostri e le Puzzoauto.

Supermercato - Favola di Lucia Cuffaro

In breve tempo si trovò davanti a Supermercato e un brivido di paura gli fece raddrizzare tutto il pelo rosso. Pensando alla sua dolce amica, entrò comunque, ma a passi lenti e felpati.

“Potrei prenderle uno shampoo e un balsamo profumato, per coccolare il suo bel pelo” pensò e con un balzo veloce arrivò alla corsia dei detergenti.

Durante la Scuola elementare per Gatti Felici, il prof. Felix Tigrone gli aveva spiegato che su ogni prodotto che utilizzano gli Animaliuomimi, c’è un’etichetta: una specie di carta d’identità che riporta le informazioni sul contenuto che vi è all’interno.

Per fortuna si era portato un libro che gli aveva donato il professore, dal titolo “Come capire le etichette e gli ingredienti malvagi nei prodotti degli Animaliuomimi”.

Prese lo shampoo in cui c’era raffigurato un bell’albero di noci. Come quello sotto cui era solito dormire. “Di certo sarà un detergente naturale, che renderà il bel pelo di Violetta ancor più lucente”.

Lesse subito le difficili parole scritte sull’etichetta. Trovò alcune diciture: mineral oil, petrolatum, paraffinum liquidum, sodium lauryl sulfate. Dopo aver consultato il libro, esclamò: “Ma queste sostanze derivano dal petrolio, il cibo di Puzzoauto e Camionmostri. A scuola mi hanno insegnato che fa male ai fiumi, al mare e a tutte le creature che bevono acqua; allora perché viene usato in uno shampoo?”.

PuzzoAuto - Favola di Lucia Cuffaro

Continuò e trovò molte sostanze che finivano in –one. Si ricordò subito dei siliconi, delle sostanze lisce non biodegradabili, nemiche delle piante, che si usano per sigillare e non far passare l’acqua.

“Ma non renderanno il pelo di Violetta secco e senza idratazione?” si domandò. Lesse poi la parola triclosan ed esclamò: “questo ingrediente invece può danneggiare l’equilibrio ormonale degli amici pesci e degli anfibi. Oltre a ciò creerebbe inquinamento ambientale, caspiterina!”.

Si domandò dove fosse il mallo di noce, dato che era raffigurato sulla confezione. Lo trovò alla fine dell’elenco degli ingredienti scritti in etichetta. “Probabilmente non sarà più dello 0.1 %; e lo chiamano ‘shampoo al mallo di noce’ questi imbroglioni!” esclamò adirato.

Pensò che forse sarebbe stato più fortunato nel reparto delle cose da mangiare. Gli venne l’dea di prendere un succo di frutta di mela rossa. Una novità per gli amici del bosco. Avrebbe fatto di certo una bella figura.

Anche in questo caso, con l’aiuto del libro, analizzò gli ingredienti. Trovò tanto zucchero raffinato come il fruttosio, che il fegato trasforma in grasso cattivo, in particolare nei cuccioli. Ma anche aromatizzanti, edulcoranti, conservanti e coloranti che rendono artificiale qualcosa che viene donato dal Melo naturalmente.

Era frastornato! Come facevano gli Animaliuomimi a usare tali schifezze, così malvagie per Madre Terra e per i suoi abitanti? Decise che la sua amica non poteva avere un regalo del genere e così si mise a pensare a un’alternativa: qualcosa di bello, in armonia con la Natura e anche dolce come la sua amica. A un certo punto, un’idea gli spuntò in testa.

Corse energicamente da una parte all’altra del bosco. Nessuno però capiva cosa stesse facendo.

Tramonto - Favola di Lucia Cuffaro

All’ora del tramonto, quando oramai la festa volgeva al termine, Brisotto arrivò dinanzi Violetta. Timidamente le consegnò il suo regalo.

Lei si mise a piangere. Ma non erano lacrime di delusione. Violetta era commossa: “Grazie Brisotto. Il tuo dono è meraviglioso. Tutti mi hanno portato queste cose strane, avvolte da imballaggi di un materiale trasparente che puzza, che mi sembra che gli Animaliuomimi chiamino plastica. Tu sei diverso. Tu ami la Natura. Grazie Brisotto, questo cestino intrecciato fatto da te con le tue zampette e pieno di mele rosse gustosissime è il regalo più bello che io abbia mai ricevuto”.

Ancora oggi, dopo 10 anni, nel giorno del compleanno di Violetta, Brisotto si sveglia pigramente e dice: “Perdindirindina, è tardi, devo fare il regalo a Violetta!”. E nonostante ogni volta si ricordi all’ultimo momento, Violetta sa che un cestino di rami e foglie, colmo di succose mele rosse, arriverà in tempo per la festa del suo compleanno.

Da quel giorno nessun animale del bosco andò più nel posto pieno di cose artificiali che chiamano Supermercato.

E vissero, felici, contenti … e consapevoli!

Mela - Favola di Lucia Cuffaro

Puoi trovare l’articolo originale scritto per il Magazine Vivi Consapevole su Macrolibrarsi.it

Banner Macrolibrarsi
CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla Newsletter!