Seguimi per altri contenuti su
Telegram | Instagram | Facebook | Newsletter | Youtube

di Lucia Cuffaro

❗No al petrolio sulla pelle: come evitare i temibili PETROLATI

Cosa fare dello scarto del petrolio?
Un detergente per il corpo, ovvio! Ebbene sì… molte industrie cosmetiche utilizzano i petrolati, ovvero residui rimasti dalla lavorazione del greggio, come emulsionanti, solventi e umettanti.

I petrolati conferiscono infatti una sensazione di (finta) morbidezza, peccato (per noi) che lo facciano creando una patina artificiale e non traspirante sulla pelle.

petrolati

Sono estremamente contaminanti per l’ambiente, oltre che dannosi per l’uomo: catturano lo sporco della pelle lasciandolo intrappolato nell’epidermide, possono generare irritazioni e – in base al grado di impurità che contengono – sono stati inseriti dall’Unione Europea fra gli elementi “cancerogeni di II classe”, vale a dire che esistono elementi sufficienti per ritenere verosimile che l’esposizione dell’uomo a una di queste sostanze possa favorire lo sviluppo di tumori (direttiva sostanze pericolose CEE n. 67/548).

Petrolati


Martedì 6 dicembre, dalle ore 21.00 in diretta Facebook e YouTube ci vediamo per festeggiare la nuova stagione della Scuola dell'Autoproduzione on line su EcoSapere con una lezione in diretta con accesso gratuito, in cui mostrerò "7 Autoproduzioni ecologiche ed economiche", naturali, per il tuo benessere e di tutta la famiglia! Lucia Cuffaro - 7 Autoproduzioni ecologiche ed economiche ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Facciamo attenzione a queste diciture in etichetta:

Petrolati
► INCI: Mineral Oil, Petrolatum, Paraffinum, Paraffinum Liquidum, Cera Microcristallina.
❗Rischi: pelle impura, pori occlusi, dermatiti da contatto, allergie, aumento incidenza tumori, contaminazione ambientale.

Tensioattivi derivati dal petrolio
► INCI: SLS (Sodium Lauryl Sulfate), SLES (Sodium Laureth Sulfate), Magnesium Laureth Sulfate, MEA Laureth Sulfate, Amonium Lauryl Sulfate.
Rischi: acne e punti neri, arrossamenti, allergie, pelle secca, chioma grassa o con forfora, indebolimento del cuoio capelluto.

Precauzione per i bambini piccoli

La maggior parte dei “baby oil” per idratare e lenire neonati e bambini sono costituiti da oli minerali: grassi ottenuti dalla raffinazione del carbone o del petrolio.

Per la sicurezza del tuo bambino assicurati che nelle etichette dei prodotti che usa non siano presenti Mineral Oil, Petrolatum, Paraffinum Liquidum, Cera Microcristallina, Vaselina.

neonato petrolati

Seguimi per altri contenuti su
Telegram | Instagram | Facebook | Newsletter | Youtube

Banner Macrolibrarsi

Scuola dell'Autoproduzione on line con Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Mi chiamo Lucia Cuffaro e insegno come mettere in pratica stili di vita ecologici, da attivista e per lavoro. Conduco ogni domenica l'eco-rubrica di Unomattina in Famiglia in diretta su Raiuno. Ho pubblicato libri sul tema e organizzato centinaia di corsi e seminari.

La mia Scuola dell'Autoproduzione è un percorso ragionato e strutturato sulla base di 14 anni di esperienza e di lavoro con professionisti. Permette di sperimentare tutta l'autoproduzione domestica e apprendere in modo veloce e produttivo.

Un totale di 40 ore di video lezioni, strutturate in modo semplice e divertente.

Avrai accesso illimitato per sempre, in Italia o all'Estero, su un portale facilissimo da usare. Troverai 62 video lezioni registrate da consultare quando vuoi, da cellulare, tablet e computer. E poi dispense scaricabili, quiz divertenti per fissare i concetti e approfondimenti.

Ogni mese organizzo anche delle lezioni aggiuntive in diretta con gli studenti (registrate e consultabili anche per chi si iscrive dopo).

Se vuoi approfondire il tema della cucina naturale, la cosmesi, i detersivi fai da te, i rimedi per la salute, l'orto in balcone e in campo, il giardinaggio, è ancora possibile entrare nella mia Scuola dell'Autoproduzione.

Clicca il testo verde oppure scrivimi a info@ecosapere.it

SCOPRI LA SCUOLA DELL'AUTOPRODUZIONE

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here