di Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro - Sanseveria

Casa dolce casa? Inquinamento indoor

Un’abitazione, se non costruita e arredata secondo i principi della bio architettura, può essere più inquinata del centro di una metropoli come Roma, Napoli o Milano (Fonte Corriere della Sera).

In casa siamo esposti al 95% degli inquinanti che ci finiscono nei polmoni, stando a uno studio dell’Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili. Il guaio è che ancora pochi ne sono consapevoli: secondo un’indagine condotta da Toluna per conto di Dyson su un migliaio di abitanti del Nord Italia, una persona su due ritiene l’aria di casa migliore di quella esterna e solo il 14% comprende gli effetti dell’inquinamento indoor sul benessere.

Lo smog per strada fa paura a due persone su tre, specialmente nelle grandi città, mentre a funghi, muffe e odori non si dà peso e fumo di sigaretta e polveri sottili sono considerati un problema solo quando si sta fuori: al chiuso ci si sente al sicuro, insomma.

In realtà in case, uffici e scuole si concentrano molti inquinanti e poiché passiamo la maggior parte del nostro tempo fra quattro mura dovremmo rendercene conto.

Secondo il World Energy Outlook 2016, uno studio dell’Agenzia Internazionale per l’Energia, la cattiva qualità dell’aria è al quarto posto tra le minacce per la salute umana, dopo ipertensione, alimentazione sbagliata e fumo di sigaretta.

Se la casa non viene arieggiata, queste sostanze possono causare mal di testa, bruciore agli occhi e irritazione delle vie respiratorie e affaticamento. Sintomatologie che rimandano alla cosiddetta Sindrome dell’Edificio Malato (Sick Building Syndrome – SBS).

Eppure, la nostra casa è la naturale estensione del nostro corpo, dato che vi trascorriamo almeno il 50-60% del nostro tempo.

Nell’aria galleggiano indisturbati i cosiddetti VOC, composti organici volatili, rilasciati da:

  • prodotti per la pulizia, la detergenza e disinfettanti
  • vernici delle pareti
  • collanti dei mobili in truciolato e compensato
  • gas di combustione per cuocere il cibo
  • sostanze presenti nei laminati e moquette
  • fumo delle sigarette

Sanseveria: pianta mangia smog domestico

Per assorbire parte delle sostanze nocive che si accumulano nell’aria in modo semplice ed economico, possiamo farci aiutare dalle piante mangia inquinamento domestico.

Tra queste una delle mie preferite è la Sanseveria (chiamata anche Lingua della Suocera) una pianta grassa sempreverde d’appartamento molto comune, utile per la depurazione dalla formaldeide, monossido di carbonio, benzene, xilene, toluene e dal fumo di sigarette; da posizionare in cucina, salone, studio o in altre stanze con luce naturale.

Si può riprodurre per talea e quindi regalare agli amici.

Ha bisogno di poche cure e acqua. È una pianta succulenta del tipo sempreverde, molto adatta alla vita da appartamento o da ufficio.

Sanseveria - Pianta mangia smog

Per approfondire

Pothos: pianta mangia inquinamento in casa


Scuola dell'Autoproduzione on line

Se vuoi approfondire il tema dell'autoproduzione e del saper fare ecologico è ancora possibile entrare nella mia Scuola dell'Autoproduzione on line.

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Perché intraprendere il percorso della "Scuola dell'Autoproduzione on line"?

Mi chiamo Lucia Cuffaro e insegno come mettere in pratica stili di vita ecologici con semplicità. Conduco la rubrica eco di Rai1 Unomattina in Famiglia. Ho pubblicato libri sul tema e organizzato centinaia di corsi e seminari.

La mia Scuola dell'Autoproduzione è un percorso ragionato e strutturato sulla base di 13 anni di esperienza e di lavoro con professionisti. Permette di sperimentare e apprendere in modo veloce e produttivo. Mano nella mano per intraprendere la strada del cambiamento col mio aiuto.

Una volta iscritti si può accedere alla Scuola in continuo aggiornamento e accesso illimitato PER SEMPRE, in Italia o all'Estero, su un portale facilissimo da usare.

Troverai 40 video lezioni registrate da consultare per sempre e quando vuoi, da cellulare, tablet e computer. Ogni video è accompagnato da una dispensa, un quiz divertente per fissare i concetti e vari approfondimenti.

Ogni 3 settimane organizzo delle lezioni aggiuntive in diretta con gli studenti per sapere come procede e sperimentare nuove autoproduzioni (i video sono poi registrati e consultabili per sempre).

Seguo personalmente ogni giorno la classe di studenti. È davvero bello farlo tramite email, messaggi, telefonate e nel Gruppo chiuso a loro dedicato per risolvere dubbi e supportare.

Imparerai:

  • Autoproduzione in cucina
  • Cura del corpo, igiene e cosmesi naturale
  • Detersivi naturali e igienizzanti
  • Cura naturale bambini, animali domestici
  • Giardinaggio e cura del verde
  • Risparmio, riciclo e riduzione sprechi

INFO PROGRAMMA E PROMOZIONE

EcoSapere - Scuola dell'Autoproduzione
Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here