Calza della Befana fai da te con dolcetti sani e avvertenze sui dolciumi commerciali

di Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro

L’Epifania, si sa, tutte le feste porta via. E lo fa con stile, come una delle tradizioni più amate che risale addirittura al tempo degli antichi romani.

Il 6 gennaio, è uno dei giorni più attesi dai bimbi, che al mattino corrono giù dal letto per scoprire cosa c’è nella magica Calza della Befana.

Se la Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte e con le toppe alla sottana, dobbiamo però imparare a leggere le etichette alla luce del sole.

Calza della Befana fai da te

Ftalati

Partiamo dal materiale. Ogni anno leggiamo di sequestri di calze e giocattoli contraffatti.

Il motivo? Nella maggior parte dei casi è la presenza dei cosiddetti Ftalati. Dietro questa parola da laboratorio si nasconde una sostanza terribile, un interferente endocrino pericolosissimo, in grado di agire sul sistema ormonale causando una femminilizzazione dei neonati maschi e dei seri disturbi nello sviluppo dei genitali.

Gli Ftalati sono utilizzati solitamente per rendere morbida la plastica e per realizzare le scritte sovraimpresse sui tessuti, anche sulle calze del Natale. Queste sostanze spesso sono individuabili anche con l’olfatto. Si tratta di quel fastidioso odore plasticoso che associamo ai casalinghi con prodotti cinesi. Se sentiamo questa esalazione provenire dalla calza evitiamo di metterci dentro dolciumi che ne potrebbero uscire contaminati. E facciamo attenzione ad acquistare soltanto giocattoli col marchio CE.

E441

Immancabili all’Epifania sono i pacchetti di caramelle gommose alla frutta. Nel 2016 è uscito lo sconcertante documentario di Alina Kneepkens che racconta tutta la verità sulla gelatina dell’industria dolciaria. Un additivo di origine animale indicato in etichetta con la sigla E441.

Questo ingrediente è prodotto per l’80% della produzione europea dalla cotenna del maiale, per il 15% con lo strato di grasso presente sotto la pelle dei bovini; una percentuale più bassa, pari al 5%, utilizza ossa e cartilagini di maiali e bovini.

Se i prodotti della grande distribuzione organizzata rischiano di non essere completamente sicuri o danno luogo a forti dubbi di natura etica, cosa far trovare ai bimbi sotto al camino o all’Albero di Natale?

calza della befana

Calza della Befana sicura ed ecologica

La calza favorita dalla vecchina è riutilizzabile, sicura ed ecologica: un bel calzettone, magari a righe colorate o a pois.

Se poi i bimbi sono due, l’acquisto è anche economico.

Oppure si può realizzare riciclando un vecchio jeans come questa che ho creato in 5 minuti tagliando con le forbici e incollando i bordi con la colla a caldo. Si può ovviamente anche cucire.

calza della befana

Per non perdere l’entusiasmo dei piccini, e diciamocelo, anche di noi adulti, nel momento dell’apertura della calza, qualcosa dentro dobbiamo pur mettercelo, senza però rinunciare al gusto e alla sorpresa.

 

Il consiglio è di pensare alla frutta essiccata, dolce e saporita. Basta davvero poco per prepararla da sé. Si possono affettare finemente delle arance da disporre su dei piattini in ceramica appoggiati sopra un termosifone.

In due giorni le fette di arancia saranno perfettamente essiccate. Stessa cosa si può fare con tutta la frutta di stagione, come kiwi, pere, mele, mandarini: colorati, gustosi e salutari.

frutta essiccata

Nella calza possiamo mettere anche delle noci, mandorle e nocciole. Sempre gustose e sane!

E magari anche una bella mela da fare poi assieme con i bambini caramellata.

Se proprio non abbiamo voglia di autoprodurre, possiamo acquistare delle gelatine di frutta di origine vegetale, cercando in etichetta come ingrediente addensante l’agar-agar, un derivato delle alghe rosse.

Non può mancare il cioccolato.

Sfiziose sono le foglie al cioccolato fondente: per realizzarle sono necessarie delle foglie d’alloro e una tavoletta di cioccolato (ovviamente equo e solidale).

Una volta sciolto a bagnomaria, il cioccolato va spennellato sulle foglie d’alloro ben pulite. Dopo 15 minuti, si può staccare con attenzione l’alloro e in mano avremo una meravigliosa foglia di cioccolata con tutte le nervature visibili.

Oppure dei kiwi al cioccolato fondente. Basta infilzarlo con uno stecco gelato in cioccolato fondente sciolto e far intiepidire.

Calza della Befana fai da te - Cioccolato & Kiwi

Calza della Befana: Il carbone

Come invece ricreare in modo naturale il carbone che la Befana fa trovare ai bimbi più “discoli” e che oggi è prodotto con zucchero raffinato e coloranti di sintesi? Nulla da fare, proprio non si può.

Ma va bene così, perché in fondo ci piace pensare che saremo tutti più buoni nel 2020 e che l’odiato carbone per quest’anno non ci sarà proprio nella calza della Befana…

Calza della Befana fai da te con dolcetti sani

Vi saluto! Da Befana ovviamente!

Qui sono io, quando mi sono mascherata da vecchina per presentare uno spettacolo per bambini con la mia compagnia di teatro improvvisazione.

Auguri!

Befana Lucia Cuffaro


Scuola dell'Autoproduzione on line

Se vuoi approfondire il tema dell'autoproduzione e del saper fare ecologico è ancora possibile entrare nella mia Scuola dell'Autoproduzione on line.

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Perché intraprendere il percorso della "Scuola dell'Autoproduzione on line"?

Mi chiamo Lucia Cuffaro e insegno come mettere in pratica stili di vita ecologici con semplicità. Conduco la rubrica eco di Rai1 Unomattina in Famiglia. Ho pubblicato libri sul tema e organizzato centinaia di corsi e seminari.

La mia Scuola dell'Autoproduzione è un percorso ragionato e strutturato sulla base di 13 anni di esperienza e di lavoro con professionisti. Permette di sperimentare e apprendere in modo veloce e produttivo. Mano nella mano per intraprendere la strada del cambiamento col mio aiuto.

Una volta iscritti si può accedere alla Scuola in continuo aggiornamento e accesso illimitato PER SEMPRE, in Italia o all'Estero, su un portale facilissimo da usare.

Troverai 40 video lezioni registrate da consultare per sempre e quando vuoi, da cellulare, tablet e computer. Ogni video è accompagnato da una dispensa, un quiz divertente per fissare i concetti e vari approfondimenti.

Ogni 3 settimane organizzo delle lezioni aggiuntive in diretta con gli studenti per sapere come procede e sperimentare nuove autoproduzioni (i video sono poi registrati e consultabili per sempre).

Seguo personalmente ogni giorno la classe di studenti. È davvero bello farlo tramite email, messaggi, telefonate e nel Gruppo chiuso a loro dedicato per risolvere dubbi e supportare.

Imparerai:

  • Autoproduzione in cucina
  • Cura del corpo, igiene e cosmesi naturale
  • Detersivi naturali e igienizzanti
  • Cura naturale bambini, animali domestici
  • Giardinaggio e cura del verde
  • Risparmio, riciclo e riduzione sprechi

INFO PROGRAMMA E PROMOZIONE

EcoSapere - Scuola dell'Autoproduzione
Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here