di Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro

Che cos’è un olio essenziale?

È un estratto per distillazione a vapore che contiene in sé l’essenza della pianta, del fiore, delle resine, dei legni e delle spezie di partenza. Oltre ad avere un meraviglioso aroma, annovera molteplici proprietà curative.

Già nelle civiltà arcaiche le erbe erano impiegate nei riti religiosi (per esempio, per scacciare gli spiriti maligni dal corpo di persone inferme), nella cura di vari disturbi e nei trattamenti di bellezza. Il metodo utilizzato era molto semplice: si aspiravano i fumi scaturiti dalla combustione delle piante.

Gli Egizi avevano una grande passione per l’arte aromatica e medicinale e fecero largo uso di piante ed erbe.

Gli antichi Greci utilizzavano varie tecniche per produrre essenze profumate con funzioni cosmetiche e curative, trascritte anche su alcune tavolette di marmo rinvenute nei templi greci di Esculapio e Afrodite.

I Romani ereditarono le consuetudini elleniche imparando a preparare oli per profumare il corpo, gli indumenti e anche le dimore.

Si è dovuto aspettare fino al X sec. d.C. per arrivare dal metodo della combustione a quello più efficiente della distillazione, tecnica inventata da un alchimista arabo di nome Avicenna. La rosa fu il primo fiore a provare il processo di estrazione delle proprietà, da qui la produzione e diffusione su larga scala (anche in Europa) dell’acqua di rose fin dai tempi delle Crociate.

La scoperta degli oli essenziali

L’aromaterapia, una branca della medicina naturale alternativa che si avvale dell’uso di oli essenziali per curare disturbi fisici o mentali, fu inizialmente teorizzata nel 1919 da un chimico francese di nome René-Maurice Gattefossé.

Le ricerche di questo “pioniere della medicina” ebbero inizio per puro caso: mentre stava lavorando in un laboratorio di preparazioni profumiere si ustionò la mano accidentalmente e, non avendo a disposizione nient’altro, la immerse in un recipiente pieno di olio di lavanda.

Il risultato fu sorprendente: una guarigione in tempi notevolmente inferiori alla norma, senza nessuna complicazione né cicatrici.

Questa sensazionale esperienza lo portò a indagare l’efficacia terapeutica degli oli essenziali per tutto il resto della sua vita.

Oli essenziali

Oli essenziali: Caratteristiche

I preziosi oli essenziali sono:

  • volatili: al contrario di quelli da spremitura (oliva, sesamo, mandorle ecc.), evaporano diffondendosi nell’aria e possono essere assimilati attraverso le vie respiratorie;
  • profumati: l’aroma è generalmente molto gradito al nostro olfatto;
  • oleosi: questa caratteristica li rende liposolubili, in altre parole solubili nei grassi, e pertanto facilmente assorbibili dalla nostra pelle.

Hanno inoltre notevoli e variabili proprietà in base alla pianta di provenienza e al principio attivo in essa contenuto: antibatteriche, analgesiche, espettoranti, digestive, rilassanti, tonificanti, cicatrizzanti e anche afrodisiache!

Oli essenziali: Uso e avvertenze

Per ottenere pochi ml di olio essenziale occorrono tanti chili di vegetali, a volte centinaia, per questo gli oli essenziali si diluiscono in un olio vettore o in un fluido corpo (a eccezione di alcuni rari casi).

Sono quindi estremamente concentrati: è meglio non improvvisarsi piccoli chimici applicando gocce “a caso”, ma seguire sempre le dosi raccomandate in dispensa e da un buon erborista, onde evitare irritazioni.

In generale, prima di utilizzarli è sempre meglio fare qualche prova: diluire 1-2 gocce di olio essenziale in un cucchiaino di olio vegetale, stendere il composto nella piega del braccio e verificare che sia gradito dalla pelle fino al giorno successivo.

Nel periodo della gravidanza sono consentite pochissime essenze (soprattutto nei primi 3-4 mesi) e sempre in piccole percentuali. È importante chiedere sempre a un erborista o medico competente. Per esempio, durante la gestazione sono da evitare menta e rosmarino.

La stessa attenzione vale per i bimbi molto piccoli. Alcuni oli essenziali, inoltre, come per esempio quelli agrumati tra cui l’olio di limone, sono fotosensibilizzanti: applicati, cioè, sulla pelle prima di un’esposizione solare possono causare eritemi e macchie scure permanenti.

Altre essenze, come la menta, possono invece diminuire l’efficacia dei trattamenti omeopatici.

Gli oli essenziali vanno conservati al buio e lontano da fonti di calore, aria o umidità, per non comprometterne la qualità. Gli agrumati sono i più volatili e delicati.

Sono da tenere fuori dalla portata dei bambini e degli animali di casa.

Un testo tratto dal libro

Cambio Pelle in 7 Passi

Come rivoluzionare la cura del corpo in modo semplice e naturale
di Lucia Cuffaro

Cambio Pelle in 7 Passi - Lucia Cuffaro

ACQUISTA CON IL 15% DI SCONTO

Un libro rivoluzionario e naturale per uomini e donne. Facile e pratico con quiz e schede di sintesi.

Vuoi prenderti cura del corpo in modo naturale, ma non sai come fare? Questo libro è rivolto a chi vuole cambiare, ma vede davanti a sé un muro costruito da ricette complicate e fasi di realizzazione difficilmente replicabili.

Olio essenziale di tea tree (Melaleuca alternifolia essential oil)

Sono lieta di presentarti il mio preferito, il re degli oli essenziali: il tea tree oil, estratto dalle foglie di quello che è comunemente chiamato “albero del tè”. Un portento della natura: antibatterico, antisettico, antiparassitario, cicatrizzante, antimicotico ed espettorante, lo troverai in tantissime ricette e consigli di questo libro. È utile, per esempio, per deodorare, in caso di acne, afte, candida, micosi, piede d’atleta, ma anche per curare problemi respiratori, per cacciare i parassiti dagli animali domestici e come disinfettante per le eco-pulizie di casa. Insomma, ti garantisco che non potrai più farne a meno!

Olio essenziale di lavanda (Lavandula angustifolia essential oil)

Se il sovrano è il tea tree oil, una degna consorte è la lavanda. Questa regina è in grado di lenire irritazioni e bruciature, di favorire la rigenerazione delle cellule e la regolazione delle secrezioni sebacee, migliorando visibilmente anche difficili casi di acne. È utile anche in caso di punture di insetti.

È ottima per la cura dei capelli, sia normali sia grassi, e ha un aroma rasserenante, in grado di favorire il sonno anche dei bambini più “burrascosi” (per ottenere un effetto calmante puoi metterne 1 goccia sul cuscino).

Lavanda - Oli essenziali

Olio essenziale di menta piperita (Mentha piperita essential oil)

Dall’aroma inconfondibile, l’olio essenziale di menta piperita è un’essenza energica da usare in piccole dosi. Presenta caratteristiche antibatteriche, tonificanti, antiparassitarie, rinfrescanti e analgesiche; lo troverai quindi in tante ricette di questo libro, come per esempio dentifricio, creme e fluidi corpo.

Ricordati di non utilizzarlo in gravidanza, sui neonati e sui bambini piccoli, o in caso di cure omeopatiche. Esistono altre varietà di menta, come la viridis, la longifolia, la spicata. Io prediligo la Piperita, perché ha un alto contenuto di mentolo (è il classico aroma delle gomme americane e dei dentifrici commerciali), ma anche perché mi ricorda Piperita Patty, l’energica capitana della squadra di baseball dei Peanuts disegnati da Charles M. Schulz, che sconfigge regolarmente il tenero Charlie Brown.

Olio essenziale menta piperita

Olio essenziale di limone (Citrus limonum essential oil)

Estratto dai frutti della pianta mediterranea per eccellenza, l’olio essenziali di limone stimola la concentrazione e incentiva la positività nell’umore. Antibiotico, antisettico, tonificante del sistema circolatorio, purificante e disinfettante dell’aria, lo si può utilizzare nei prodotti fai da te per il trattamento di pelli acneiche e grasse, come astringente, per la cura dei capelli e anche per il trattamento della cellulite (tra bucce agrumate ci si intende! 😁). Ricordati di evitarne l’uso prima di esporti al sole, poiché quest’olio è fotosensibilizzante.

Olio essenziale di rosmarino (Rosmarinus officinalis essential oil)

L’olio essenziale di rosmarino è consigliato in particolare in caso di caduta di capelli e forfora, come rivitalizzante e rigeneratore cellulare, per tonificare il corpo e anche per ridurre la cellulite. Come nella maggior parte degli oli essenziali anche il rosmarino è un potente antisettico e ha un effetto battericida. Svolge un’efficace azione antiossidante ed è utile per alleviare i malanni stagionali. Nell’antichità, la pianta di rosmarino era considerata propiziatoria.

Amore e rosmarino

Secondo il poeta classico Ovidio [Ovidio, Metamorfosi, lib. IV, 190-255], la prima pianta di rosmarino nacque dal corpo di Leucotoe, figlia del re di Persia, a seguito di una terribile tragedia: Apollo, il dio del Sole, innamorato della fanciulla, entrò con l’inganno nella sua stanza e la sedusse.

Questo rese furioso il padre di lei, che la punì seppellendola viva. Apollo decise allora di donarle l’immortalità trasformando il suo corpo che giaceva sotto terra in una profumata pianta di rosmarino che, radicandosi al suolo, si eresse verso la luce del sole.

Proprio da questa triste leggenda, deriva l’uso dell’antica Roma di coltivare rosmarino vicino alle tombe dei propri cari, come simbolo di eternità.

Oli essenziali: Consigli per gli acquisti

Scegli un olio purissimo al 100%, realizzato esclusivamente con metodo di estrazione a distillazione a vapore.

Osserva la confezione: non farti abbagliare da diciture come aroma di sintesi, essenza, aroma per ambienti, perché nascondono prodotti che hanno molto di sintetico e poco di naturale. La dicitura utilizzo alimentare è invece una garanzia in più, perché possiamo associare all’uso esterno quello da ingerimento.

Il costo di un olio essenziale parte dai 7-8 euro per una boccetta da 10 ml di quelli più economici, come lavanda e limone. Gli oli più preziosi, e quindi costosi, sono il neroli, ma soprattutto il gelsomino e la rosa damascena (1 ml di quest’ultima è venduto intorno ai 40 euro!).

Gli oli essenziali che troverai consigliati in questo libro sono solo cinque, tra i più versatili, reperibili ed economici, in modo da ottimizzare spese e spazio di conservazione.

Dove si acquistano: negozi bio, farmacie, erboristerie, aziende agricole certificate e bio-shop on line.


Scuola dell'Autoproduzione on line con Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Mi chiamo Lucia Cuffaro e insegno come mettere in pratica stili di vita ecologici, da attivista e per lavoro. Conduco ogni domenica l'eco-rubrica di Unomattina in Famiglia in diretta su Raiuno. Ho pubblicato libri sul tema e organizzato centinaia di corsi e seminari.

La mia Scuola dell'Autoproduzione è un percorso ragionato e strutturato sulla base di 14 anni di esperienza e di lavoro con professionisti. Permette di sperimentare tutta l'autoproduzione domestica e apprendere in modo veloce e produttivo.

Un totale di 30 ore di video lezioni, strutturate in modo semplice e divertente.

Avrai accesso illimitato per sempre, in Italia o all'Estero, su un portale facilissimo da usare. Troverai 40 video lezioni registrate da consultare quando vuoi, da cellulare, tablet e computer. E poi dispense scaricabili, quiz divertenti per fissare i concetti e approfondimenti.

Ogni mese organizzo anche delle lezioni aggiuntive in diretta con gli studenti (registrate e consultabili anche per chi si iscrive dopo).

Se vuoi approfondire il tema della cucina naturale, la cosmesi, i detersivi fai da te, i rimedi per la salute, l'orto in balcone e in campo, il giardinaggio, è ancora possibile entrare nella mia Scuola dell'Autoproduzione.

Clicca il testo verde oppure scrivimi a info@ecosapere.it

SCOPRI LA SCUOLA DELL'AUTOPRODUZIONE

EcoSapere - Scuola dell'Autoproduzione
Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here