di Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro

Olio d’oliva (Olea europaea oil)

Ingrediente sovrano della cucina italiana, l’olio d’oliva è un magnifico nutriente anche per la nostra pelle, grazie alla sua notevole affinità cutanea (ovvero chimicamente e fisiologicamente somigliante alla struttura cutanea e quindi facilmente assorbibile).

L’olio d’oliva è un perfetto emolliente per nutrire e stimolare i processi riparativi della pelle e prevenirne le infiammazioni. Si utilizza anche come antiossidante, perché attiva il metabolismo cutaneo favorendo la rigenerazione cellulare contro l’invecchiamento delle cellule causato dai radicali liberi e dai raggi solari.

Olio d'Oliva - Bottiglia

Dove si può acquistare? In aziende agricole a Km0, negozi ecobio e supermercati (facendo attenzione che sia di origine e produzione 100% italiana, certificato, a marchio IGP, spremuto a freddo).

Olive “de noantri

L’impiego di olio d’oliva risale ai tempi degli antichi Romani, quando veniva utilizzato nei rituali religiosi a scopo purificante, ma anche nel rituale dell’unzione del corpo, per lenire dolori articolari e reumatici dopo l’attività sportiva nelle palestre.

L’estrazione dalle olive avveniva grazie all’ausilio di un torchio di pietra. Spesso l’olio ricavato dalla spremitura veniva miscelato a erbe aromatiche, pestate a loro volta in un mortaio, per renderlo profumato.

Olio d'oliva

Il prodotto così ottenuto era molto apprezzato sia dalle donne sia dagli uomini. A quei tempi, tuttavia, l’olio d’oliva irrancidiva molto rapidamente, poiché non erano ancora noti adeguati trattamenti di conservazione. Un metodo tipicamente usato era quello della salatura.

Plinio il Vecchio, una sorta di cronista dell’epoca romana, ci ha trasmesso le varie classificazioni dell’olio d’oliva nell’opera Naturalis Historia:

  • oleum ex albis ulivis: il più pregiato, ottenuto da olive verde chiaro (ancora acerbe);
  • oleum viride: prodotto da olive che si stanno annerendo (prossime a maturazione);
  • oleum maturum: ottenuto da frutti neri, già maturi;
  • oleum sequens: di seconda spremitura;
  • oleum caducum: ricavato da olive cadute in terra per avanzata maturazione e quindi di qualità mediocre;
  • oleum cibarium: olio di cattiva qualità, spremuto da olive aggredite da parassiti, destinato agli schiavi o utilizzato per alimentare le lucerne.

Scuola dell'Autoproduzione on line con Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Mi chiamo Lucia Cuffaro e insegno come mettere in pratica stili di vita ecologici, da attivista e per lavoro. Conduco ogni domenica l'eco-rubrica di Unomattina in Famiglia in diretta su Raiuno. Ho pubblicato libri sul tema e organizzato centinaia di corsi e seminari.

La mia Scuola dell'Autoproduzione è un percorso ragionato e strutturato sulla base di 14 anni di esperienza e di lavoro con professionisti. Permette di sperimentare tutta l'autoproduzione domestica e apprendere in modo veloce e produttivo.

Un totale di 30 ore di video lezioni, strutturate in modo semplice e divertente.

Avrai accesso illimitato per sempre, in Italia o all'Estero, su un portale facilissimo da usare. Troverai 40 video lezioni registrate da consultare quando vuoi, da cellulare, tablet e computer. E poi dispense scaricabili, quiz divertenti per fissare i concetti e approfondimenti.

Ogni mese organizzo anche delle lezioni aggiuntive in diretta con gli studenti (registrate e consultabili anche per chi si iscrive dopo).

Se vuoi approfondire il tema della cucina naturale, la cosmesi, i detersivi fai da te, i rimedi per la salute, l'orto in balcone e in campo, il giardinaggio, è ancora possibile entrare nella mia Scuola dell'Autoproduzione.

Clicca il testo verde oppure scrivimi a info@ecosapere.it

SCOPRI LA SCUOLA DELL'AUTOPRODUZIONE

EcoSapere - Scuola dell'Autoproduzione
Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here