Ingredienti

Materiale

  • barattolo di vetro a con tappo
  • asciugamano

Cosa fare con della farina d’avena? Un setoso, delicato e nutriente detergente viso e corpo!

Preparazione detergente viso e corpo

Farina avena - Detergente viso e corpoRiempiamo un barattolo di vetro con della farina d’avena  anche scaduta, che non possiamo più utilizzare per usi alimentari, così da riciclare un prodotto destinato alla spazzatura.

Ne versiamo un cucchiaio in una mano amalgamandola con un po’ d’acqua: si otterrà velocemente una pastella grossolana.

Questo composto va poi massaggiato sul viso e collo, e risciacquato con abbondante acqua fresca.

Questa farina diventerà un gesto irrinunciabile! Il viso sarà luminoso, grazie ai minerali e vitamine contenuti nella farina, e dolcemente deterso. Il risultato è pazzesco per l’efficacia. Tutto da provare!!!

Nel caso di pelli delicate o di quelle dei bambini, rappresenta anche una valida alternativa al sapone per il corpo. Deterge infatti in modo delicato e al contempo lenisce la pelle dalle infiammazioni.

Conservazione del detergente viso e corpo

Conservazione: altri 6 mesi, riponendo il barattolo di vetro in un posto fresco e al riparo dalla luce (dentro un mobiletto del bagno, per esempio), oltre la scadenza indicata sulla confezione dal produttore.

 

Consiglio di consumo critico

Mi viene chiesto da tanti la marca che uso io. E’ quella prodotta dalla Ki Group. Tra le varie farine d’avena che ho provato, è quella più adatta al viso perché molto fine, delicata anche se integrale e macinata a pietra. Si compra nei negozi bio, in alcune erboristerie o su Macrolibrarsi.

farina d'avena integrale

 

Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla Newsletter!