Seguimi per altri contenuti su
Telegram | Instagram | Facebook | Newsletter | Youtube

di Lucia Cuffaro

Perché diminuire lo zucchero

Per l’OMS l’eccessivo consumo di zucchero ha portato alla diffusione di varie malattie cronico-degenerative quali diabete, patologie cardiovascolari e obesità, anche infantile.

Il consumo medio mondiale di zucchero è di circa 70 grammi al giorno. Le linee guida redatte dall’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandano una riduzione della quantità di zucchero assunta giornalmente, più precisamente a meno del 10% del fabbisogno calorico totale giornaliero che corrispondono a circa 50 grammi per gli adulti.

Per avere maggiori benefici, l’OMS raccomanda un’ulteriore diminuzione dello zucchero a meno del 5% che corrisponderebbero a 25-30 grammi di zucchero al giorno ossia 5 cucchiaini. I bambini tra 4 e 6 anni non dovrebbero superare i 15 grammi al giorno, mentre da 7 a 12 anni non più di 20 grammi.

Ma la quantità contenuta in merendine e snack fa oltrepassare questa indicazione rispetto al limite massimo giornaliero di zuccheri aggiunti indicati dall’OMS. Secondo l’American Hearth Association addirittura i bambini non dovrebbero in alcun modo assumere zuccheri prima dei 2 anni.

No zucchero

Sugar Tax

Per questo in tutta Europa si stanno prendendo provvedimenti normativi per limitare l’uso dello zucchero con le cosiddette “Fat tax“, “Soda tax” o “Sugar tax” (ad esempio in Gran Bretagna sulle bevande ed in Norvegia su prodotti confezionati e bibite).

In Italia, nella recente legge di Bilancio 2020, è stata approvata dopo le pressioni delle associazioni dei consumatori, la Sugar Tax sulle bibite: 10 centesimi al litro sulle bevande analcoliche zuccherate.

Sostituire lo zucchero raffinato è uno dei primi passi da fare verso una sana alimentazione. Per farlo, esistono valide alternative in grado di soddisfare il bisogno di dolcezza con meno danni per l’organismo con i dolcificanti naturali.

Vediamo ora in dettaglio cosa usarli al posto dello zucchero raffinato!

Dolcificare con la frutta essiccata italiana

Dolcificanti naturali

Bella, gustosa e colorata: ecco come dolcificare con la frutta essiccata invece che con lo zucchero.
Sono tanti i frutti essiccati e disidratati prodotti in Italia che possono sostituire lo zucchero e fungere da dolcificanti naturali.

  • Uvetta
  • Albicocche
  • Fichi
  • Prugne
  • Frutti rossi

Per utilizzarli nelle ricette abituali basta reidratarli, lasciandoli in ammollo in una tazza di acqua per 2 ore almeno.

Dolcificare con il malto ai cereali (riso o orzo)

Il malto è un dolcificante eccezionale, caratterizzato da un profilo nutrizionale eccellente, decisamente superiore a quello dello zucchero bianco. Vi sono infatti presenti proteine, sali minerali, vitamine e tracce di grassi insaturi (i migliori): ciò che nello zucchero e nei dolcificanti raffinati in genere viene allontanato.

Il malto di riso è un dolcificante naturale ottenuto dal processo di germinazione del riso e prodotto in Italia. È perfetto per le preparazioni in cottura, dato che si scioglie facilmente, donando un gradevole gusto dolce e di caramello.

Il malto di orzo è leggermente meno dolce ed è quindi l’ideale in un percorso di “disintossicazione” dalla zucchero.

È ottenuto dalla cottura in acqua della farina d’orzo germinato, che avvia un processo naturale chiamato scissione (digestione), che determina la trasformazione dell’amido contenuto in zuccheri più semplici e più dolci (destrine e maltosio principalmente).

La scissione viene generata da alcuni enzimi (amilasi) presenti naturalmente nel cereale, gli stessi che il nostro corpo utilizza per assimilare l’amido dei cereali.

Dolcificanti naturali - Malto di riso

Come dolcificare con il miele invece che con lo zucchero

Il miele fa parte della nostra tradizione italiana. È un meraviglioso prodotto ed è importante prenderlo da apicoltura biologica, da allevatori che tutelano le api, insetti impollinatori importantissimi per la biodiversità.

Il miele è ricchissimo di proprietà benefiche e un antibiotico naturale, ma le sue proprietà diminuiscono con il calore, per questo andrebbe sempre usato a temperatura ambiente e non nei dolci.

Lo useremo per realizzare delle barrette snack che non necessitano di cottura.

Dolcificanti naturali - Miele

Seguimi per altri contenuti su
Telegram | Instagram | Facebook | Newsletter | Youtube

Scuola dell'Autoproduzione on line con Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Mi chiamo Lucia Cuffaro e insegno come mettere in pratica stili di vita ecologici, da attivista e per lavoro. Conduco ogni domenica l'eco-rubrica di Unomattina in Famiglia in diretta su Raiuno. Ho pubblicato libri sul tema e organizzato centinaia di corsi e seminari.

La mia Scuola dell'Autoproduzione è un percorso ragionato e strutturato sulla base di 14 anni di esperienza e di lavoro con professionisti. Permette di sperimentare tutta l'autoproduzione domestica e apprendere in modo veloce e produttivo.

Un totale di 30 ore di video lezioni, strutturate in modo semplice e divertente.

Avrai accesso illimitato per sempre, in Italia o all'Estero, su un portale facilissimo da usare. Troverai 40 video lezioni registrate da consultare quando vuoi, da cellulare, tablet e computer. E poi dispense scaricabili, quiz divertenti per fissare i concetti e approfondimenti.

Ogni mese organizzo anche delle lezioni aggiuntive in diretta con gli studenti (registrate e consultabili anche per chi si iscrive dopo).

Se vuoi approfondire il tema della cucina naturale, la cosmesi, i detersivi fai da te, i rimedi per la salute, l'orto in balcone e in campo, il giardinaggio, è ancora possibile entrare nella mia Scuola dell'Autoproduzione.

Clicca il testo verde oppure scrivimi a info@ecosapere.it

SCOPRI LA SCUOLA DELL'AUTOPRODUZIONE


Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here