L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda che gli adulti dovrebbero consumare meno di 5 grammi di sale, quindi un cucchiaino da cucina al giorno. Una quantità ancor minore nel caso di bambini.

Questa soglia è ampiamente superata nell’alimentazione quotidiana. In America ne viene consumata in media una quantità sei volte superiore. Il Journal of the American College of Cardiology, l’eccesso di sodio colpisce sfavorevolmente numerosi organi. E’ il caso delle arterie. Il sale può renderle più spesse e inficiare la salute dell’endotelio, il tessuto cellulare dei vasi sanguigni, che regola la coagulazione, e l’adesione delle piastrine.

Mangiare troppo sale è pericoloso anche per cuore, reni e cervello; allerta anche per l’aumento del rischio di obesità e diabete.

Per diminuire la quantità di sale, in cucina possiamo utilizzare il gomasio. Il nome deriva da sesamo (goma) e sale (shio). Ha notevoli benefici per la nostra salute e sistema immunitario.

I semi di sesamo bio:

  • aumentano il ph dell nostro corpo riducendo l’acidosi responsabile dei processi infiammatori
  • stimolano la digestione
  • leniscono mal di testa e nausea
  • ricchi di vitamine del gruppo B
  • contengono sali minerali come il calcio
  • pieni di acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6, utili a ridurre il colesterolo

Ingredienti

Materiali

  • un barattolino a chiusura ermetica
  • padella
  • mortaio
  • pestello

Seminario Autoproduzione in Cucina a Roma con Lucia Cuffaro

Preparazione del gomasio di sesamo

I semi di sesamo sono particolarmente nutrienti, ricchi di vitamine D ed E, sali minerali e proprietà antiossidanti: contengono proteine, calcio, fosforo, ferro e zinco. Ci sono, inoltre, acidi grassi essenziali come omega 6 e omega 3.

Vanno sciacquati in acqua fredda e scolati, quindi tostati in padella a fiamma molto bassa. Finita la tostatura, il sesamo va lasciato raffreddare.

Gomasio - Semi di sesamo

Il sale grosso integrale va pestato nel mortaio con movimenti circolari e decisi, e vi va aggiunto man mano il sesamo.

Il risultato sarà una polvere non troppo fine e leggermente oleosa: solo a questo punto il gomasio è pronto.

Conservazione

Per la conservazione utilizziamo un barattolo di vetro da riporre in frigo.
Il gomasio fatto in casa è da consumare al massimo entro una settimana.

 

Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here