di Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro

Torniamo a fare il pane fatto in casa, per sfornare una pagnotta che sa di bellezza.
Con le farine di grano antico prese da piccoli ed etici produttori, e non con la bianca raffinata 00 che tanto male fa alla nostra salute.
Meglio ancora a lenta lievitazione affinché sia sano e digeribile.

Dura fino a 7 giorni, ed evita lo spreco contrastando la tendenza italiana a gettare nel cestino dopo un giorno il pane indurito o ammollato del supermercato.
E per chi volesse sperimentarsi, in questo articolo c’è la tecnica che uso per autoprodurlo con lievito di birra fresco, secco o ancor meglio autoprodotto.

La ricetta per fare in casa il lievito di birra la trovi qui: LIEVITO DI BIRRA FATTO IN CASA

Occorrente

Preparazione del pane fatto in casa con lievito di birra

Facciamo una doppia lievitazione per avere un pane più digeribile, grazie anche alla “demolizione” dell’amido in zuccheri che viene operata da enzimi presenti naturalmente nelle farine.
Una tecnica che si usa in genere con la pasta madre, ma noi lo faremo anche con il lievito di birra in modo che il pane sia ancora più benefico.

Fase 1: uso del lievito di birra

Iniziamo con un’azione che richiederà al massimo 1-2 minuti di tempo. Nel caso in cui optassimo per un cubetto di lievito di birra fresco da 25 g sciogliamolo in un dito di acqua tiepida.

Nel caso di lievito secco ne bastano 8-10 g (si compra anche in farmacia) e si aggiunge direttamente all’impasto.

Se dovessimo scegliere il lievito di birra fai da te lo dovremmo riversare interamente in una ciotola capiente aggiungendo 200 g di farina (meglio farina biologica integrale, semi-integrale, di grano duro, di grani antichi) e 400 ml di acqua di rubinetto, fino ad arrivare alla corposità di una pastella per i fritti.

Diamo una veloce mescolata con il cucchiaio per incorporare tutta la farina. L’impasto, coperto da un canovaccio, va lasciato riposare 4 ore in un luogo fresco, chiuso e asciutto (di inverno qualcosa in più, d’estate meno).

Questo tempo servirà ai lieviti per risvegliarsi e attivarsi.

Lievito di birra- Pane fatto in casa

Fase 2: l’impasto del pane

Al precedente impasto aggiungiamo circa 400 g di farina biologica e 1 cucchiaino di zucchero di canna integrale per facilitare la lievitazione.

I condimenti

Ora dobbiamo mettere i condimenti. Quelli obbligatori sono solo due: mezzo cucchiaio di sale fino integrale, meglio se integrale e due cucchiai di olio extravergine di oliva per rendere il pane fragrante.

Possiamo aggiungere anche semi, tipo quelli di papavero o di sesamo. Per renderlo ancora più digeribile il mio trucco è mettere i semi di finocchio.

Continuiamo a lavorare l’impasto nella ciotola con il cucchiaio finché non diventa un bel panetto sodo e poco appiccicoso.
Solo ora abbandoniamo il cucchiaio e lavoriamo per 1-2 minuti con le mani per rendere l’impasto elastico e sempre sodo.

Lasciamolo lievitare almeno 2 ore (ancor meglio 4-6 ore a seconda della stagione, meno tempo in estate e di più in inverno). Sempre coperto da un canovaccio e posto in un luogo buio.

Cottura del pane

Sistemiamo delicatamente il panetto su una teglia precedentemente cosparsa con dell’olio extravergine di oliva. Spennelliamo sempre con l’olio anche la superficie del pane per rendere la crosta bella croccante.

Lo cuociamo in un forno preriscaldato a 215° per 10 minuti (non di più per evitare di superare il punto di fumo dell’olio di oliva), poi a 180° C per i restanti 40 minuti. Il risultato è una splendida pagnotta dal peso finale di 1 kg.

Prima di essere mangiato va fatto raffreddare per alcune ore su una grata o un tagliere.

Pane fatto in casa - Lucia Cuffaro

Conservazione

Importante! Il pane fatto in casa si conserva magnificamente in un sacchetto di tela per 7-8 giorni (no in una busta in plastica perché si ammolla, no in una di carta perché si secca).

Un modo anche per raccogliere anche le briciole.

Barattolo e mangiatoia uccelli con briciole di pane

Cosa farne delle briciole? O il pan grattato oppure possiamo trasformarlo in una casetta degli uccelli dove mettere le briciole del pane che rimangono nel sacchetto.
Basta lavare bene un barattolo, fissare un nastro delle bomboniere per legarlo al davanzale o posizionarlo su un tavolo e inserire le briciole.
Gli uccellini gradiranno e cinguetteranno sul balcone di casa.

Barattolo e Mangiatoia Uccelli


Scuola dell’Autoproduzione: promozione per iscriversi

Come sai il mio blog e il mio canale Youtube contengono (volutamente e con grande piacere) tanti contenuti fruibili e gratuiti a cui dedico molto impegno.

Il progetto della Scuola dell’Autoproduzione ha però dietro un percorso diverso, molto ragionato e strutturato sulla base di 10 anni di esperienza. Permette infatti di sperimentare e apprendere in modo più veloce e produttivo. Una sorta di accompagnamento mano nella mano con me e facilitato verso l’autosufficienza.

Perché intraprendere il percorso della Scuola dell’Autoproduzione on line?

Seguo personalmente e ogni giorno in questo viaggio la classe di studenti. È davvero bello farlo, tramite email, messaggi, telefonate e nel loro Gruppo chiuso dedicato. Abbiamo iniziato anche le lezioni aggiuntive in diretta.

Tanti studenti hanno già scelto di frequentare con soddisfazione la Scuola dell’Autoproduzione

Ho il piacere di seguirli personalmente per aiutarli nell’autoproduzione per: cucina, igiene personale, cosmesi, detersivi, igienizzanti, cura bimbi, animali domestici e verde.40 lezioni in continuo aggiornamento e accesso illimitato PER SEMPRE, in Italia o all’Estero, sia da cellulare, pc, mac, tablet. Per altre info o situazioni particolari scrivimi pure a info@ecosapere.it

Piccoli passi per rivoluzionare la vita in modo semplice, per salvaguardare l’ambiente e risparmiare in casa fino al 70%, migliorando il benessere tuo e della tua famiglia.

EcoSapere - Scuola dell'Autoproduzione
Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here