L’alimentazione consigliata per contrastare forme lievi di influenza

La febbre

Una prima cosa da spiegare sull’influenza è il ruolo della febbre: questa reazione corporea non è altro che un mezzo del nostro corpo per sconfiggere le malattie, la protezione dell’organismo quando viene colpito da virus o batteri. Accrescere la temperatura è funzionale a ucciderli più velocemente e rallentarne la proliferazione.

Ma un aumento di due gradi è così devastante per i batteri?
Sì, perché la velocità di crescita batterica aumenta più o meno linearmente partendo dalla temperatura minima fino al grado di calore ottimale. Superato questo punto, la velocità di crescita diminuisce notevolmente.

Inoltre, questo aumento di calore corporeo stimola il sistema immunitario e velocizza le reazioni metaboliche, facendo funzionare tutto più velocemente, in modo da produrre più anticorpi e difese immunitarie.

Importante: questo discorso vale per temperature corporee non troppo elevate, 37,5°- 38°; la febbre alta, invece, deve essere assolutamente controllata e abbassata seguendo le indicazioni del medico curante, per evitare problemi di salute anche gravi.

L’alimentazione per contrastare l’influenza

Durante l’influenza ci possiamo aiutare con i probiotici, assumendo yogurt con fermenti lattici vivi, i quali contribuiscono al buon funzionamento del sistema immunitario oltre che dell’intestino.

Dovremmo poi sempre integrare la dieta con delle fibre, che si trovano principalmente nella frutta, in alcuni legumi, nelle verdure e nei classici cereali e fiocchi d’avena.

Quando abbiamo la febbre, infatti, dovremmo assumere maggiori quantità di fibre, diminuendo i carboidrati raffinati come la pasta non integrale, anche se, si sa, per noi italiani questo è sempre difficile!

Fibre per combattere l'influenza

Frutta di stagione e miele

Inoltre, sempre lontano dai pasti, è consigliabile mangiare due, tre frutti di stagione contenenti vitamina C − come arance, kiwi o limoni − e sostituire lo zucchero col miele, per combattere le infezioni e garantire al corpo tutte le vitamine e i sali minerali essenziali per contrastare l’influenza.

Io uso il miele di melata, che ha il colore e anche il sapore del caramello ed è molto simile allo zucchero. Consiglio di comprare qualsiasi tipologia gradita ma di non scegliere come luogo di acquisto il supermercato, dove se ne trovano solo di raffinati e diluiti e quindi meno nutrienti.

È ovviamente consigliabile acquistare direttamente il miele da contadini e apicoltori, o tramite gruppi d’acquisto solidali.

Banner Macrolibrarsi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Iscriviti alla Newsletter!