Seguimi per altri contenuti su
Telegram | Instagram | Facebook | Newsletter | Youtube

di Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro - Tè freddo alla pesca

Scegliamo non solo il cibo che mettiamo nel piatto ma anche ciò che beviamo. Quindi sì a bevande dissetanti, naturali e colorate. Perché farle in casa?

Per tre motivi:

  1. risparmio fino al 70% sull’acquisto
  2. meno imballaggi: il PET (Polietilentereftalato) tipico delle bottiglie delle bibite, se esposto a una fonte di calore come il sole in estate, può rilasciare sostanze tossiche (antimonio, ftalati e acetaldeide)
  3. Benessere: le bibite commerciali contengono infatti zuccheri raffinati, aromatizzanti, edulcoranti, conservanti, e tanti ingredienti artificiali. L’American Hearth Association, raccomanda di evitare l’uso di zuccheri ai bambini sotto i 2 anni e di non superare il limite di 25 g al giorno tra i 2 e i 18 anni. Considerando che un bicchiere di succo di frutta contiene in media 3-4 cucchiaini di zucchero, meglio evitare o ridurre l’uso di bevande zuccherate.

Tè freddo alla pesca fatto in casa

Occorrente

  • 2 cucchiai di tè
  • 2 pesche mature
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 1 l di acqua
  • pentolino
  • bottiglia di vetro

Un grande classico dell’estate: il tè freddo alla pesca.
Una bevanda estiva freschissima e davvero buona, ideale per le giornate caldissime, con afa e umidità elevate.
Tutti lo beviamo confezionato ma non lo autoproduciamo mai.


Martedì 6 dicembre, dalle ore 21.00 in diretta Facebook e YouTube ci vediamo per festeggiare la nuova stagione della Scuola dell'Autoproduzione on line su EcoSapere con una lezione in diretta con accesso gratuito, in cui mostrerò "7 Autoproduzioni ecologiche ed economiche", naturali, per il tuo benessere e di tutta la famiglia! Lucia Cuffaro - 7 Autoproduzioni ecologiche ed economiche ISCRIVITI GRATUITAMENTE

Ecco come farlo in pochi minuti!

Tè freddo alla pesca - Autoproduciamo

Preparazione del tè freddo alla pesca

Iniziamo la preparazione del tè inserendo dentro una pentola l’acqua con le pesche sbucciate e tagliate a pezzetti. Il consiglio è di utilizzare delle pesche biologiche, o comunque non trattate, e molto succose.

Si lascia bollire con un coperchio per circa 15 minuti. Si tolgono i pezzi di pesca che possono poi essere mangiati.

Ora si aggiunge il tè per l’infusione.

Per il tè meglio quello sfuso e non in bustine, che costa un terzo di quello in bustine. Si compra sfuso in erboristeria e non fa imballaggi.

Per 3-4 minuti (non di più) lasciamo in infusione il tè sfuso, uniamo anche lo zucchero di canna quindi filtriamo e lasciamo raffreddare. Riversiamo in una bottiglia di vetro e inseriamo il tè freddo alla pesca in frigo per almeno due ore.

Serviamo dentro un bicchiere con ghiaccio o in un barattolo (come vuole la moda!) con magari anche delle foglioline di menta, una fettina di pesca e un cubetto di ghiaccio.

Tè freddo alla pesca - Barattolo

Conservazione del tè freddo alla pesca

Si conserva in frigorifero per 2-3 giorni.

Seguimi per altri contenuti su
Telegram | Instagram | Facebook | Newsletter | Youtube

Banner Macrolibrarsi

Scuola dell'Autoproduzione on line con Lucia Cuffaro

Lucia Cuffaro - Scuola dell'Autoproduzione Online

Mi chiamo Lucia Cuffaro e insegno come mettere in pratica stili di vita ecologici, da attivista e per lavoro. Conduco ogni domenica l'eco-rubrica di Unomattina in Famiglia in diretta su Raiuno. Ho pubblicato libri sul tema e organizzato centinaia di corsi e seminari.

La mia Scuola dell'Autoproduzione è un percorso ragionato e strutturato sulla base di 14 anni di esperienza e di lavoro con professionisti. Permette di sperimentare tutta l'autoproduzione domestica e apprendere in modo veloce e produttivo.

Un totale di 40 ore di video lezioni, strutturate in modo semplice e divertente.

Avrai accesso illimitato per sempre, in Italia o all'Estero, su un portale facilissimo da usare. Troverai 62 video lezioni registrate da consultare quando vuoi, da cellulare, tablet e computer. E poi dispense scaricabili, quiz divertenti per fissare i concetti e approfondimenti.

Ogni mese organizzo anche delle lezioni aggiuntive in diretta con gli studenti (registrate e consultabili anche per chi si iscrive dopo).

Se vuoi approfondire il tema della cucina naturale, la cosmesi, i detersivi fai da te, i rimedi per la salute, l'orto in balcone e in campo, il giardinaggio, è ancora possibile entrare nella mia Scuola dell'Autoproduzione.

Clicca il testo verde oppure scrivimi a info@ecosapere.it

SCOPRI LA SCUOLA DELL'AUTOPRODUZIONE

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here